Dynamiche Infinite/Infinite Dynamics

Quando:
23 giugno 2020–30 settembre 2020 giorno intero Europe/Rome Fuso orario
2020-06-23T00:00:00+02:00
2020-10-01T00:00:00+02:00
Dove:
Triennale
Viale Emilio Alemagna
Milano MI
Italia
Dynamiche Infinite/Infinite Dynamics @ Triennale | Milano | Lombardia | Italia

Maurizio Gabbana

Dynamiche Infinite/Infinite Dynamics

A cura di/by Andrea Dusio
23 giugno/30 settembre
Triennale – Viale Alemagna – 02 72434244

Da martedì a venerdì / from Tuesday to Sunday: 17.00 – 21.30; sabato e domenica / Saturday and Sunday: 11.30 – 21.30 prenotazione obbligatoria sul sito/reservations required on web site.

Sabato 19 settembre, alle 17.00, visita guidata con l’autore Maurizio Gabbana. Partecipazione gratuita, posti limitati.

www.triennale.org

info@triennale.org

Come arrivare/How to get there: M1/M2 Cadorna – Tram 1 – Bus 61, 94

Il lavoro di Gabbana mette insieme due grandi temi che da sempre hanno caratterizzato la fotografia: l’interesse per l’architettura e la riproducibilità che il mezzo espressivo consente. Il riproducibile in questo caso incontra l’unicità dell’opera architettonica, scatti urbani in cui la luce costruisce una struttura sovrapposta alla realtà creando uno scenario metafisico. La mostra si compone di una serie di scatti realizzati con la tecnica digitale e che hanno per soggetto gli scenari monumentali delle città italiane e di alcune metropoli straniere. Si colloca all’interno della serie di incontri I sette messaggeri promossa da Fondazione Maimeri.

Gabbana’s work brings together two great themes that have always characterized photography: the interest in architecture and the reproducibility that this medium of expression allows. The reproduceable, in this case, meets the uniqueness of the architectural work, in urban shots in which light builds a structure that is superimposed on reality, creating a metaphysical scenery. The exhibition is made up of a series of frames captured with the digital technique, and which have the monumental landscapes of Italian cities and of some foreign metropolises as their subject. It is part of The Seven Messengers series of encounters promoted by the Maimeri Foundation.