Life of a repentant

Quando:
16 settembre 2020–14 ottobre 2020 giorno intero Europe/Rome Fuso orario
2020-09-16T00:00:00+02:00
2020-10-15T00:00:00+02:00
Dove:
Artepassante – Atelier della Fotografia
Viale Regina Giovanna angolo
Corso Buenos Aires, 20129 Milano MI
Italia
Life of a repentant @ Artepassante – Atelier della Fotografia | Milano | Lombardia | Italia

Giulia Mozzini

Life of a repentant

16 settembre/14 ottobre
Inaugurazione 16 settembre h 18.30
Artepassante – Atelier della Fotografia

Vetrine del Passante Ferroviario di Porta Venezia (ingresso su Corso Buenos Aires ang. Viale Regina Giovanna – 346 5436165

Lunedì – Domenica/From Monday to Sunday 6.00 – 24.00 visibile tutti i giorni, visitabile su appuntamento/viewable every day, can be visited by appointment.

www.artepassante.it

info.lebellearti@fastwebnet.it

Come arrivare/How to get there: M1 e Passante ferroviario P.ta Venezia  – Tram 5, 9

Giulia Mozzini congela in un reportage quello che si legge nei libri, che si guarda nei film, che si ascolta al telegiornale. Oppure quello che nessuno vorrebbe guardare per paura di vederne la crudezza. Questa è la storia di Michele, la storia di un pentito e del suo ritorno in società dopo anni in cella. Una vita di fatica, di sacrifici, di messa in discussione e ricostruzione di un sistema di valori. La storia di Michele racconta della riconquista di piccoli e grandi gesti attraverso il lavoro e un cambio di prospettiva necessario: la nostra storia è l’unica che possediamo, ma ciò che abbiamo scritto in passato può servire a cambiare il futuro.

 

In this reportage, Giulia Mozzini captures what one reads in books, what one watches in films, what one listens to on the news. Or what no one would like to watch for fear of seeing its rawness. This is the story of Michele, the story of a repentant and of his return to society after years in prison. A life of toil, of sacrifices, of questioning and rebuilding a system of values. Michele’s story tells of the rediscovery of small and big gestures through work and a necessary change of perspective: our story is the only one we have, but what we have written in the past can serve to change the future.