Nel cuore del Museo

Quando:
3 ottobre 2020–30 novembre 2020 giorno intero Europe/Rome Fuso orario
2020-10-03T00:00:00+02:00
2020-12-01T00:00:00+01:00
Dove:
Museo della Tecnica Elettrica
Via Adolfo Ferrata
6, 27100 Pavia PV
Italia
Costo:
6,00 €
Nel cuore del Museo @ Museo della Tecnica Elettrica | Pavia | Lombardia | Italia

Maria Cristina Anelli, Francesca Moscheni, Giancarla Pancera

Nel cuore del Museo/In the heart of the Museum

a cura di/by Roberto Mutti

3 ottobre/30 novembre
Inaugurazione/Opening 3 ottobre h 17.00 (Ingresso gratuito/Free admission)
Museo della Tecnica Elettrica

Via Adolfo Ferrata, 6, Pavia – 0382 984104

Catalogo digitale/Digital catalogue on www.photoshowallbooks.it

Lunedì, Mercoledì, Venerdì / Monday, Wednesday, Friday: 9.00 – 13.00 / 14.00 – 16.30.
Apertura straordinaria ogni primo sabato del mese / Special opening every first Saturday in the month: 16.00 – 19.00.

twww-3.unipv.it/museotecnica
prenotazionimte@unipv.it

 

Non tutti gli oggetti conservati in questo museo possono essere esposti, eppure possiedono una loro bellezza. Per recuperarli almeno alla vista, tre fotografe sono entrate nel luogo dove sono conservati e hanno messo in atto tutta la loro creatività in still life di grande fascino. Lo sguardo femminile, che interpreta la tecnica con un taglio fortemente estetico, ha conferito ad oggetti che si pensavano inanimati un’inaspettata vitalità. Alcuni emergono dal buio da cui sembrano osservarci, altri sono  accostati fino a creare volti e figure antropomorfe, altri infine ci fronteggiano come strani mostri.     

 

Not all the objects preserved in this museum can be exhibited, yet they possess their own beauty. In order to restore them to public view, three photographers have entered the place where they are kept and have put all their creativity into a fascinating series of still-lives. The female gaze, which interprets technology with a strongly aesthetic slant, has given objects that were thought inanimate an unexpected vitality. Some of them emerge from a darkness from which they seem to be observing us, others are juxtaposed to create anthropomorphic faces and figures, others finally face us like strange monsters.