Exhibition

Dec
8
Sat
2018
Human Rights. La storia dell’ONU (e del mondo) nelle più belle immagini della United Nations Photo Library/ The history of the UN (and the world) in the most beautiful images of the United Nations Photo Library @ LA CASA DI VETRO
Dec 8 2018 – Jun 22 2019 all-day
Human Rights. La storia dell’ONU (e del mondo) nelle più belle immagini della United Nations Photo Library/ The history of the UN (and the world) in the most beautiful images of the United Nations Photo Library @ LA CASA DI VETRO

AA.VV.

Human Rights. La storia dell’ONU (e del mondo) nelle più belle immagini della United Nations Photo Library/ The history of the UN (and the world) in the most beautiful images of the United Nations Photo Library

a cura di/by Alessandro Luigi Perna e Federica Candela (Eff&Ci – Facciamo Cose)

fino a/until 22 giugno

 

La Casa di Vetro

Via L. Sanfelice 3 – 02.55019565

lunedì-sabato/from Monday to Saturday 15.30-19.30, giovedì/Thursday 15.30-18 ingresso/ticket 5 €

 

www.history-and-photography.com

federica.candela@effeci-facciamocose.com

 

Come arrivare/How to get there: Passante Ferroviario P.ta Vittoria – Tram 12 – Bus 66, 84, 90/91, 92, 93

 

In occasione del 70° anniversario della firma della Dichiarazione dei Diritti Universali dell’Uomo, La Casa di Vetro propone in anteprima mondiale un’esposizione che ripercorre la storia delle Nazioni Unite e della società contemporanea ripercorrendo le vicende e l’evoluzione dell’organizzazione internazionale dalla sua nascita nel 1945 fino ai giorni nostri. Inserita all’interno del progetto History&Photography, che ha per obiettivo raccontare la storia valorizzando gli archivi fotografici, l’esposizione si sofferma sulle più importanti missioni sia civili che militari di cui le Nazioni Unite sono state protagoniste.

On the occasion of the 70th anniversary of the signing of the Declaration of Universal Human Rights, La Casa di Vetro offers a world preview of an exhibition that traces the history of the United Nations and contemporary society, reviewing the events and the evolution of the international organization from its inception in 1945 to the present day. Part of the History&Photography project, which aims to narrate history by making the most of photographic archives, the exhibition focuses on the most important civil and military missions in which the United Nations have been involved.

Mar
8
Fri
2019
Bob Krieger Imagine. Living through fashion and music ’60 ’70 ’80 ‘90 @ Palazzo Morando – Costume, Moda, Immagine
Mar 8 – Jun 30 all-day
Bob Krieger Imagine. Living through fashion and music ’60 ’70 ’80 ‘90 @ Palazzo Morando – Costume, Moda, Immagine

Bob Krieger Imagine

Living through fashion and music ’60 ’70 ’80 ‘90

a cura di/by Maria Grazia Vernuccio

 

fino a/until 30 giugno

Palazzo Morando – Costume, Moda, Immagine

Via S. Andrea 6 – 02.22198663

 

martedì-domenica//from Tuesday to Sunday 10-19

ingresso intero/full ticket € 12, ridotti/reduced € 10 e € 8,

 

www.civicheraccoltestoriche.mi.it

c.palazzomorando@comune.milano.it

 

Come arrivare/How to get there: M1 Duomo/San Babila, M3 Duomo/Montenapoleone – Tram 1, 2 – Bus 94

 

Sono esposte opere della preziosa collezione privata di Bob Krieger che la curatrice e il fotografo stesso hanno recuperato e riproposto. Eseguite tra gli anni ’60 e ’90 presentano, tra le altre, le immagini delle campagne pubblicitarie dei più grandi stilisti italiani, Armani, Ferré, Missoni, Valentino, Versace, Biagiotti, Gucci, Fendi, Dolce & Gabbana e dei protagonisti del boom del Made in Italy nel mondo, immortalando volti, geometrie, colori. Krieger stesso ricorda che il suo rapporto con gli stilisti non era di prevaricazione, ma di condivisione del loro talento.

Works from Bob Krieger’s precious private collection, which the curator and the photographer themselves have recovered and revisited, are on display. Taken between the ’60s and ’90s, they present, among others, the images from the advertising campaigns of the greatest Italian designers- Armani, Ferré, Missoni, Valentino, Versace, Biagiotti, Gucci, Fendi, Dolce & Gabbana and other protagonists of the “Made in Italy” boom. They immortalize faces, geometries and colours. Krieger himself recalls that his relationship with the designers was not one of prevarication, but one of sharing in their talent.

Apr
3
Wed
2019
Alberto Granata @ Galleria 70
Apr 3 – Jun 22 all-day
Alberto Granata @ Galleria 70

Alberto Granata

Alberto Granata

a cura di/by Eugenio Bitetti

3 aprile/22 giugno

Inaugurazione/opening 2 aprile h 18

 

Galleria 70

Via Pietro Calvi 2 – 02.39680256

martedì-sabato/from Tuesday to Saturday 10-13.30/16-19.30

 

www.cgalleria70.eu

eugeniobitetti@libero.it

Come arrivare/How to get there: Passante Ferroviario Dateo – Tram 9, 19 – Bus 54, 61

 

Alberto Granata, fotografo e artista che mescola i media visivi, sa che la realtà è qualcosa che muta forma e finisce, mentre la fotografia no, permane. Con questa consapevolezza, unita a uno sguardo che coglie il magnifico del quotidiano, l’ordine e l’imprevisto del reale, realizza reportage in giro per il mondo. In mostra una selezione di immagini a colori senza tema preordinato o filo conduttore, come la totalità dell’opera di questo artista: dalle città americane ai mercati africani, dagli interni domestici ai paesaggi più distanti, dai volti ai colori.

Alberto Granata, photographer and artist who mixes visual media, knows that reality is something that changes form and ends, whilst photography remains. With this awareness, combined with a gaze that captures the magnificent in everyday life, the order and the unexpected in reality, he produces reportages shot around the world. On display is a selection of colour images without a preordained theme nor common thread, like the totality of the artist’s work: from American cities to African markets, from domestic interiors to distant landscapes, from faces to colours.

Apr
11
Thu
2019
Days of Night – Nights of Day – Elena Chernyshova @ C|E Contemporary
Apr 11 – Oct 5 all-day
Days of Night – Nights of Day - Elena Chernyshova @ C|E Contemporary

Elena Chernyshova

Days of Night – Nights of Day

a cura di/by Christine Enrile

11 aprile/5 ottobre

 

C|E Contemporary

Via Tiraboschi 2/76 – 02.45483822/348.9031514

martedì-sabato/from Tuesday to Saturday 9/13-15/19, giovedì/Thursday 10/13-15/20

 

www.cecontemporary.com

gallery@cecontemporary.com

 

Come arrivare/How to get there: M3 P.ta Romana – Bus 62

 

Un viaggio in bicicletta di 30.000 km, 26 paesi, la voglia di entrare in contatto con culture diverse, genti lontane e condizioni di vita estrema. Sono queste le principali caratteristiche della prima personale italiana della fotografa russa Elena Chernyshova. In particolare, di questo immenso reportage, la mostra si focalizza sulla città siberiana di Norilsk e sulla capacità di adattamento umana in condizioni di isolamento, disastri ecologici e clima estremo. Norilsk è infatti una delle dieci città più inquinate al mondo, condizione che influisce sull’ambiente e sulla salute della popolazione.

A 30,000km journey by bike, 26 countries, the desire to get in touch with different cultures, distant people and extreme living conditions. These are the main characteristics of the first Italian personal exhibition of the Russian photographer Elena Chernyshova. In particular, from her immense reportage, the exhibition focuses on the Siberian city of Norilsk and on the capacity of humans to adapt in conditions of isolation, ecological disasters and extreme climate. Norilsk is in fact one of the ten most polluted cities in the world, a condition that affects the environment and the health of the population.

Apr
12
Fri
2019
Erigere. Muri, barriere, filo spinato/Building. Walls, barriers, barbed wire @ Fondazione Corrente
Apr 12 – Jul 11 all-day
Erigere. Muri, barriere, filo spinato/Building. Walls, barriers, barbed wire @ Fondazione Corrente

Loredana Celano, Bruna  Orlandi, Antonietta Corvetti, Dario Fumagalli 

Erigere. Muri, barriere, filo spinato/Building. Walls, barriers, barbed wire

 

12 aprile/11 luglio

Inaugurazione/opening 12 aprile h 18

 

 

Fondazione Corrente

Via Carlo Porta 5 – 02.6572627

martedì-giovedì/from Tuesday to Thursday 9-12.30/15-18.30

 

www.fondazionecorrente.org

info@fondazionecorrente.it

 

Come arrivare/How to get there: M3 Turati -Bus 94

La caduta del Muro di Berlino era stata salutata con molto entusiasmo e un po’ di retorica sognando una nuova era ma dopo 50 anni quelle speranze si sono trasformate in illusioni: in Europa i muri si sono moltiplicati come risposta irrazionale alle paure e alle ostilità, barriere sono state erette e i timori più irrazionali sono stati avvolti in un filo spinato che ci si illude protegga dall’esterno e invece ferisce dall’interno. Queste fotografie raccontano con frammenti fulminanti ora realistici ora metaforici questo nostro strano mondo dove si troviamo a vivere. 

The fall of the Berlin Wall was greeted with much enthusiasm and some rhetoric, dreaming of a new era- but after 50 years those hopes have turned into illusions: in Europe the walls have multiplied as an irrational response to fears and hostilities. Barriers have been erected and the most irrational fears have been wound in barbed wire, with the illusion that they will protect us from the outside whilst instead they wound us from the inside. These photographs depict, through lightning-fast fragments, which are sometimes realistic, sometimes metaphorical, this strange world of ours where we live.

Apr
15
Mon
2019
Laguna Onirica/The dreamlike lagoon – Luca Cortese @ Canottieri Ticino Pavia – Club House
Apr 15 – Jun 30 all-day
Laguna Onirica/The dreamlike lagoon - Luca Cortese @ Canottieri Ticino Pavia – Club House

Luca Cortese

Laguna Onirica/The dreamlike lagoon

a cura di/by Voghera Fotografia e Spazio 53

produzione PhotoSHOWall

 

15 aprile/30 giugno

 

Canottieri Ticino Pavia – Club House

Strada Canarazzo 15, Pavia – 0382.303395

lunedì-venerdì/from Monday to Friday 9.30-12.30/14.30-18.30

 

www.canottieriticino.it

 

Quelli che Luca Cortese fotografa sono grafemi di un paesaggio le cui linee pulite e armoniche scrivono una storia che sa di magia. Realizzate nella laguna veneta fra Marghera e Chioggia, nell’arco di poche ore, sottolineano diversi aspetti della realtà. La luce che cambia, il movimento dell’acqua, l’atmosfera che si respira all’alba, l’aria rarefatta, il colore che si disperde definiscono un paesaggio che si declina in suggestione.

Luca Cortese photographs the graphemes of a landscape, with clean and harmonious lines that write a story that feels magical. Shot in the Venetian lagoon between Marghera and Chioggia within the space of a few hours, the images underline di erent aspects of reality. The changing light, the movement of the water, the atmosphere at dawn, the rare ed air, the dispersing colour, all de ne a landscape that morphs into suggestion.

Sopravvento/Takeover – Marcella Milani @ EcorNaturaSì – Punto Vendita di Voghera
Apr 15 – Jun 30 all-day
Sopravvento/Takeover - Marcella Milani @ EcorNaturaSì – Punto Vendita di Voghera

Marcella Milani

Sopravvento/Takeover

produzione PhotoSHOWall

 

15 aprile/30 giugno

 

EcorNaturaSì

Punto vendita di Voghera

Via Lomellina 62 Voghera (Pv) 0383.367360

lunedì-giovedì/from Monday to Thursday 9-13/15.30-19.45 venerdì/Friday 9-13/15.30-20 sabato/Saturday 9-20

www.naturasi.it

Marcella Milani è affascinata da quello che succede ai luoghi umani quando sono abbandonati. Quello che accade è che la natura prende il sopravvento. Nel tempo, con pazienza, la natura allunga i suoi arti e si riprende gli spazi, creando così una nuova bellezza che queste fotografie immortalano permettendo all’osservatore di perdersi.  

Marcella Milani is fascinated by what happens to human places when they are abandoned. What happens is that nature takes over. Over time, with patience, nature extends its limbs and reclaims its spaces, thus creating a new beauty that is immortalised in these photographs, in which the viewer can become lost.

Apr
17
Wed
2019
Il mio mondo/My World – Lia Stein @ L’Atelier di Lia Stein
Apr 17 – Jun 30 all-day
Il mio mondo/My World - Lia Stein @ L’Atelier di Lia Stein

Lia Stein
Il mio mondo/My World
a cura di/by Roberto Mutti

17 aprile/30 giugno
inaugurazione/inauguration 17 aprile h 17

L’Atelier di Lia Stein
Via Veniero 8 – 335.5901898
martedì-venerdì/from Tuesday to Friday 16-19 o su appuntamento/or by appointment

www.liastein.it
lia.stein@liastein.it

Come arrivare/How to get there: M1 Lotto, M5 Portello/Lotto – Bus 68, 90/91

Un atelier, uno studio d’artista, è il luogo dove il lavoro incontra la passione, l’otium il negotium e la disciplina si accompagna alla creatività. L’Atelier è il termine che ben rappresenta lo spirito di dialogo e incontro e si pone come spazio in cui si può entrare per curiosità, soffermarsi per desiderio di sapere, sedersi per discutere davanti a opere che rappresentano l’intero percorso espressivo dell’autrice, dalle ricerche architettoniche alle carte da parati fotografiche. Lia Stein ha deciso di aprire questo suo nuovo spazio per venire incontro alla curiosità del pubblico e per mostrare la bellezza e gli elementi distintivi del suo lavoro.

An atelier, an artist’s studio, is the place where work meets passion, otium meets negotium and discipline is matched with creativity. Atelier is the term that well represents the spirit of dialogue and encounter, a space where one can enter out of curiosity, pause for a desire to know, and sit down to converse in front of works that represent the entire expressive path of the author, from architectural research to photographic wallpaper. Lia Stein has decided to open her new space to satisfy the curiosity of the public and to show the beauty and distinctive elements of her work.

Apr
18
Thu
2019
Carvani Minetti Fatto con i piedi. Storia del campione paralimpico/Made with the feet. History of the Paralympic champion – Alessandra Fuccillo @ Università di Pavia – Polo Didattico Campus Aquae
Apr 18 – Jun 30 all-day
Carvani Minetti Fatto con i piedi. Storia del campione paralimpico/Made with the feet. History of the Paralympic champion - Alessandra Fuccillo @ Università di Pavia – Polo Didattico Campus Aquae

Alessandra Fuccillo

Carvani Minetti Fatto con i piedi. Storia del campione paralimpico/Made with the feet. History of the Paralympic champion

produzione photoSHOWall

 

18 aprile/30 giugno

Inaugurazione 18 aprile h 18.30

 

Università di Pavia – Polo Didattico Campus Aquae

Strada Cascina Cascinazza 29, Pavia – 0382.987275

lunedì-venerdì/from Monday to Friday 8-19

 

Il percorso di Alessandra Fuccillo si presenta oggi con l’esposizione di un reportage fotografico dedicato a Alessandro Carvani Minetti, atleta paralimpico. Quel percorso nasce però in altra maniera, nell’estate del 2018, quando l’atleta chiede alla fotografa di occuparsi della sua immagine social. Quello che doveva entrare in un piano editoriale diventa un racconto intenso, toccante, ricco di riflessioni sulla straordinaria capacità di adattamento e forza di volontà dell’atleta.  

Alessandra Fuccillo presents a photographic reportage dedicated to Alessandro Carvani Minetti, a Paralympic athlete. This project was born in the summer of 2018, when the athlete asked the photographer to take care of his social media image. What was supposed to be part of an editorial plan became instead an intense, touching story, full of reflections on the athlete’s extraordinary ability to adapt and on his strength of will.  

May
3
Fri
2019
Dreary Town – Enrico Doria @ Almo Collegio Borromeo – Spazio Via Vercesi
May 3 – Jun 30 all-day
Dreary Town - Enrico Doria @ Almo Collegio Borromeo – Spazio Via Vercesi

Enrico Doria

Dreary Town

produzione PhotoSHOWall

 

3 maggio/30 giugno

inaugurazione/opening 3 maggio h 19

 

Almo Collegio Borromeo – Spazio Via Vercesi

Via Vercesi 3, Pavia – 0382.3951

lunedì-venerdì/from Monday to Friday 9.30-12-30/14.30-18.30

 

www.collegioborromeo.eu

portineria@collegioborromeo.it

 

 “[…] una è la città in cui s’arriva la prima volta, un’altra quella che si lascia per non tornare; ognuna merita un nome diverso”. Così dice Italo Calvino ne Le città invisibili, fonte di ispirazione del fotografo per questo lavoro. Il vero focus dell’artista si pone però sul senso di straniamento che la città incute in chi vi giunge, soprattutto quando la città è fredda, algida, impersonale nei suoi contrasti tra il piccolo e il grande. Una ricerca sullo spazio urbano che entra in contrasto con chi ci vive dando senso di incertezza. Un’incertezza che scrive così un nuovo nome per la città.

“[…] there is the city where you arrive for the first time; and there is another city which you leave never to return. Each deserves a different name;”. So says Italo Calvino in The Invisible Cities, the photographer’s source of inspiration for this work. The real focus of the artist, however, is on the sense of estrangement that the city evokes in those who arrive there, especially when the city is cold, frosty, impersonal in its contrasts between the big and the small. A research on urban space that contrasts with those who live there, giving a sense of uncertainty. An uncertainty that gives the city a new name.